fbpx

Domande frequenti

In questa sezione trova le risposte alle domande più frequenti, per qualunque dubbio ci contatti.

Contattaci - Richiedi un preventivo

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

FAQ

FINESTRE , PORTE, BLINDATI, INFERRIATE, ZANZARIERE, CHIUSURE ESTERNE,
TAPPARELLE E SCURI, SISTEMI OSCURANTI E FILTRANTI, PAVIMENTI

FAQ - FINESTRE

  • Che tipo di scelta devo fare per dare valore al mio immobile? +

    Attualmente il valore di un immobile è legato anche alla sua capacità di isolamento termico, pertanto sul mercato si trovano prodotti di materiali diversi, con capacità isolante minore o maggiore determinata dal connubio spessore/materiale telaio e dalle caratteristiche del vetro (monocamera/due vetri, doppia camera/tre vetri, tripla camera/quattro vetri).

    Minore è il valore di trasmittanza globale della finestra (Uw), maggiore è la sua capacità di isolamento.

  • Cambiare le finestre migliora l’isolamento dell’abitazione? +

    Certamente: rispetto al passato i prodotti in commercio, con le rispettive normative di riferimento sulle prestazioni termiche, hanno apportato un notevole incremento sia sull’isolamento termico che acustico, migliorando i sistemi di chiusura, i vetri (molto più isolanti) e le guarnizioni.

    Nel caso ci fossero cassonetti è fondamentale sostituirli o rivestire gli esistenti, in quanto il 15%-20% della dispersione termica passa dal cassonetto, oltre ad essere un punto di passaggio del suono che peggiora notevolmente il comfort acustico dell’immobile.

  • Quali sono i vantaggi del pvc rispetto al legno? +

    Il PVC è un materiale che, per la sua composizione, ha un potere isolante maggiore rispetto al legno, a parità di spessore.

    Inoltre non necessita di manutenzione.

  • Mettendo il doppio o triplo vetro perdo luminosità? +

    Generalmente sì, tuttavia Oknoplast utilizza vetri extrachiari temperati antifortunistici di serie prodotti da Saint Gobain che hanno la caratteristica di aumentare notevolmente il comfort dell’abitazione.

  • Devo eseguire opere edili per sostituire i serramenti? +

    Nel caso in cui l’appartamento sia abitato dipende, la sostituzione del serramento è un’operazione che si valuta volta per volta.

    Se il serramento è avvitato non servono opere murarie (dopo gli anni ‘90 la posa è quasi sempre effettuata su false casse).

    In passato i telai venivano invece murati (zancati), nel qual caso le soluzioni sono due: si può tagliare il telaio del vecchio serramento, con il rischio di creare delle crepe, e la conseguente necessità di dover ricorrere a piccoli interventi di opere murarie.

    Oppure si può evitare il rischio utilizzando un telaio a sormonto (cosiddetto a “Z”), che ha però il limite di ridurre la luce in entrata, penalizzando le finestre o porte di piccole dimensioni in larghezza: Oknoplast per evitare questo problema propone dei serramenti con nodo centrale ridotto, garantendo fino al 22% in più di luce.

    Nel caso di un immobile in ristrutturazione (non abitato) l’ideale è sempre la sostituzione completa, con gli opportuni accorgimenti termici.

  • E’ possibile avere tutti i colori che desidero sui serramenti? +

    In commercio esistono moltissime pellicole con le quali si può rivestire in egual modo la parte interna ed esterna o realizzare vari abbinamenti.

    Per quanto riguarda la parte esterna, esiste un sistema di copertura dei serramenti Oknoplast, detto Alucover, in cui la personalizzazione è massima, con la possibilità di scegliere tra tutti i colori RAL.

  • Se decido di sostituire i miei serramenti, ho diritto ad usufruire della detrazione fiscale? +

    Certamente, la sostituzione dei serramenti prevede la possibilità di usufruire della detrazione fiscale del 50%, previa compilazione della pratica Enea dedicata.

    Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA .

FAQ - PORTE

  • Qual è la differenza tra laminato e legno? +

    Innanzitutto la qualità, la versatilità, le dimensioni e la durata: una porta in laminato ha dei limiti strutturali, può essere in laminato o microlaminato di diversi spessori, quindi è un prodotto più povero.

    A volte il prodotto economico è stampato, bordato malamente e la struttura è in cartone pressato, con conseguenti limiti rispetto all’umidità e alle regolazioni; esistono comunque dei laminati di buona qualità nel quale anche il costo però diventa più importante.

    La porta in legno è qualitativamente migliore in quanto il materiale, essendo più pregiato e di maggior spessore, può avere dimensioni molto più ampie, permette infinite lavorazioni, puo’ essere utilizzato per inserimenti con vetri o altri materiali e decorato con diversi tipi di laccature, pantografature ecc.

  • Che tipo di decorazione posso avere su una porta? +

    Su una porta in legno ci sono tantissime possibilità di decorazione e a seconda del fornitore si possono abbinare profili, cornici, vetri, pannellature e sistemi diversi di decorazione. Le porte in laminato sono più limitate dal punto di vista decorativo.

  • Posso abbinare il battiscopa con le cornici delle porte? +

    Generalmente sì ma non in tutti i casi; sul legno è più facile, sul laminato la gamma è più limitata.

FAQ - BLINDATI

  • Cosa sono le classi di effrazione? +

    La porta blindata viene abbinata ad una classe di effrazione in base ad una normativa che le classifica a seconda del tempo di resistenza ai tentativi di apertura dall’esterno con determinati attrezzi meccanici ed elettrici nei punti deboli della porta (angoli, serratura e cerniera).

    Le classi vanno da 0 a 5 e generalmente consigliamo, anche per una questione di eventuale assicurazione, almeno una classe 3.

  • Devo eseguire opere edili per sostituire un blindato? +

    Dipende se la vecchia porta è murata o meno: il vecchio telaio si può nascondere con delle cornici ma in alcuni casi può essere necessario l’intervento del muratore.

  • E’ possibile abbinare il pannello del nuovo blindato alle porte interne? +

    Certamente.

  • E’ semplice duplicare le chiavi del mio blindato? +

    Un buon blindato deve avere una chiave con tessera da duplicazione controllata: solo presentando la tessera si possono ottenere dei duplicati, cosicchè la replicazione è semplice per il proprietario delle chiavi, ma impossibile per chi non ha la tessera.

  • Il blindato può contemporaneamente proteggermi e aumentare le prestazioni termiche del mio immobile? +

    Certamente, alcuni produttori di porte blindate si sono specializzati, oltre che sulla sicurezza, sulla prestazione termica, portando le prestazioni al livello di quelle dei serramenti (da U=1,4 W/mqK a 0,7 W/mqK, come le porte Oikos, di cui siamo rivenditori)

FAQ - INFERRIATE

  • Che livello di protezione posso aspettarmi da un’inferriata? +

    Le inferriate hanno una classe di protezione fino alla 4: questo significa che proteggono dall’antintrusione tanto quanto un’ottima porta blindata.

  • Posso installare un’inferriata su qualsiasi tipo di finestra? +

    Certo, a seconda della tipologia di finestra o porta finestra sono disponibili diversi modelli con molteplici possibilità di apertura verso l’interno e verso l’esterno, a snodo, a scomparsa, estensibile ecc.

  • Se decido di sostituire la mia porta blindata o di installare delle inferriate, ho diritto ad usufruire della detrazione fiscale? +

    Certamente, la sostituzione del blindato e l’installazione di inferriate prevede la possibilità di usufruire della detrazione fiscale del 50%, previa compilazione della pratica Enea dedicata. Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA.

FAQ - ZANZARIERE

  • La zanzariera mi protegge solo dalle zanzare? +

    Per la sua conformazione la zanzariera protegge da tutti gli insetti volatili di dimensioni pari o maggiori delle maglie della rete da cui è costituita; inoltre alcune tipologie di zanzariere, come ad esempio quelle prodotte da Pronema, sono dotate di una speciale chiusura in corrispondenza della giuntura tra rete e cornice che impedisce l’entrata a cimici e simili.

  • La zanzariera riduce la luminosità in entrata nel mio immobile? +

    Sì, la zanzariera riduce la luminosità in entrata, quindi pur non essendo un sistema di oscuramento può aiutare ad ombreggiare l’ambiente interno all’abitazione.

  • La zanzariera è detraibile fiscalmente? +

    La detrazione fiscale del 50% è valida nel caso di zanzariere acquistate in fase di sostituzione di serramenti, previa compilazione della pratica Enea dedicata. Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA.

FAQ - CHIUSURE ESTERNE: TAPPARELLE E SCURI

  • Che tipi di sistemi di oscuramento ci sono? +

    Normalmente una casa può essere oscurata da sistemi a tapparella o scuretti/persiane.

    Ne esistono di diverse tipologie, colore e livello di sicurezza.

  • Ho dei vecchi scuri in legno: mi conviene restaurarli o sostituirli? +

    Il legno richiede una costante manutenzione, poichè la natura stessa del materiale, se esposto alle intemperie, prevede un deterioramento che deve essere controllato e contrastato.

    Per evitare di dover fronteggiare questo problema, la soluzione può essere scegliere degli scuri Oknokomp, realizzati con materiale composito costituito da fibra di vetro e kevlar indurite con una speciale resina, materiale estremamente resistente e durevole, che non necessita di manutenzione.

  • Che differenza c’è tra tapparella in pvc e alluminio coibentato? +

    L’alluminio, per sua natura, è un materiale più resistente alle intemperie rispetto al pvc e durevole nel tempo; inoltre a pari dimensioni una tapparella in alluminio risulta essere più leggera da sollevare rispetto alla corrispettiva in pvc.

    Inoltre la tapparella in PVC, quando è di colore scuro, soffre particolarmente delle dilatazioni termiche causate dai raggi solari, necessitando per renderla stabile di rinforzi chela appesantiscono ulteriormente.

    Quindi consigliamo sempre tapparella in alluminio coibentato.

  • Se decido di sostituire le mie tapparelle o gli scuri, ho diritto ad usufruire della detrazione fiscale? +

    Certamente, la sostituzione di tapparelle e scuri prevede la possibilità di usufruire della detrazione fiscale del 50%, quando sono abbinati all’acquisto di nuovi serramenti, previa compilazione della pratica Enea dedicata.

    Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA.

FAQ - SISTEMI OSCURANTI E FILTRANTI

  • Se non ho la possibilità di montare nè le tapparelle nè gli scuri, che tipo di soluzioni posso adottare? +

    Pronema, azienda di cui siamo rivenditori, offre dei prodotti tecnici con soluzioni svariate e di grandi dimensioni.

    L’azienda propone dei tessuti tecnici d’arredo cosiddetti filtranti, che hanno la caratteristica di diminuire l’eccesso di luce e anche ridurre parzialmente il passaggio di calore dall’esterno all’interno.

    Negli ambienti in cui è necessario l’oscuramento totale si possono utilizzare dei tessuti cosiddetti blackout, con vari colori, completamente oscuranti (senza passaggio di luce).

  • Che differenza climatica c’è tra sistemi di ombreggiamento interni ed esterni? +

    I sistemi di ombreggiamento esterni, come tende e frangisole, filtrano i raggi solari prima che colpiscano la superficie vetrata del serramento: per questo motivo, diminuendo la quantità di calore in entrata ancor prima del serramento, risultano climaticamente più efficaci rispetto ad una tenda tecnica interna.

  • Se decido di installare delle tende tecniche, ho diritto ad usufruire della detrazione fiscale? +

    Certamente, l’installazione di tende tecniche prevede la possibilità di usufruire della detrazione fiscale del 50%, previa compilazione della pratica Enea dedicata.

    Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA.

FAQ - PAVIMENTI

  • Cos’è esattamente un pavimento in laminato? +

    Il laminato è un materiale multistrato che imita il parquet, composto da più strati: ha un’anima formata da un pannello in fibra di legno compressa ad alta densità (HDF), sulla quale vengono applicate delle pellicole decorative che imitano le venature del legno, e uno strato protettivo trasparente superficiale per proteggerlo dal calpestio.

    Il laminato ha anche la prerogativa di essere veloce da posare, grazie ad un sistema di posa ad incastro che permette di evitare l’utilizzo di colle e relative tempistiche di asciugatura.

  • Quando scegliere parquet e quando il laminato? +

    Il laminato può essere una scelta alternativa al parquet nel caso si desideri effettuare un acquisto meno dispendioso ma con un ottimo effetto visivo: le pellicole decorative imitano le venature del parquet con grande efficacia e lo rendono un’ottima alternativa al vero legno.

  • L’acquisto del laminato è detraibile fiscalmente? +

    Sì, quando è in atto una manutenzione straordinaria l’Agenzia delle Entrate prevede la possibilità di usufruire della detrazione fiscale del 50%, previa compilazione della pratica Enea dedicata.

    Il 50% è comprensivo di materiale, manodopera, pratica Enea e IVA.